Lorenzo Meo | Boundaries: Music by Jaan Rääts >> concerto per due pianoforti

Boundaries: Music by Jaan Rääts // concerto per due pianoforti

programma

Jaan Rääts
24 Marginalia op.68 per due pianoforti

Jaan Rääts
Sonata op.82 per due pianoforti
I mouvement
II mouvement
III mouvement

BOUNDARIES
musiche di Jaan Rääts

Sul finire degli anni Cinquanta, Arvo Pärt e Jaan Rääts danno un improvviso impulso alla musica estone, fino ad allora confinata nell'ambito delle tradizioni popolari. Sono i primi compositori ad affermarsi oltre i confini nazionali, e la loro produzione non solo crea nuovi stimoli nello sviluppo della cultura musicale dalla quale provengono, ma dà un contributo significativo nella storia della musica del Novecento.

Jaan Rääts, della stessa generazione di Pärt ma con caratterisitiche stilistiche divergenti dal compositore del "minimalismo sacro", si colloca temporalmente accanto ad autori come Steve Reich, Luciano Berio e Karlheinz Stockhausen. Dopo aver studiato con Heino Eller, si impone all'attenzione internazionale con il Concerto per orchestra da camera del 1961. Tipico dei suoi lavori è un polistilismo di matrice neoclassica, combinato con tecniche compositive contemporanee.

Rääts è una figura di primo piano nell'attività musicale estone avendo assunto gli incarichi di Presidente dell'Unione Compositori Estoni (dal 1974 al 1992), Direttore della Radio nazionale estone e Direttore artistico del Dipartimento di musica per la televisione nazionale estone. È professore all'Accademia estone di musica di Tallinn.

I 24 Marginalia per due pianoforti op.68 riflettono in una certa misura la ricchezza di impressioni musicali che ci circondano oggi. In un modo assolutamente personale, Rääts ha composto queste note a margine come un caleidoscopio che attraversa una incredibile varietà stilistica dal barocco al rock.

La Sonata per due pianoforti op.82  è, in contrasto, un brano di grande ampiezza e chiara impronta neoclassica. Il brano comprende tutte le caratteristiche peculiari dello stile musicale di Rääts: ritmi veloci, ripetizioni ossessive e persistenti, un estremo lirismo alternato a violente e improvvise dissonanze.